Mecspe si prepara all’edizione 2020


14 Settembre 2020

Lavoro e fabbrica sempre più digitali. L’accelerazione “forzata” dei modelli organizzativi dell’ultimo periodo ha visto un radicale cambiamento della quotidianità lavorativa per molte imprese: digital talk, webinar, presentazioni su nuove piattaforme online, sono modalità diventate ormai necessarie per tenersi aggiornati e creare occasioni di business; ma soprattutto gli ultimi mesi hanno visto il rafforzamento della consapevolezza del ruolo che ricoprono gli investimenti in nuove tecnologie, rivelatisi fondamentali durante il lockdown per non fermarsi e continuare a produrre, anche a distanza. Tanto che 6 aziende su 10, secondo l’Osservatorio Nazionale MECSPE del II trimestre 2020, si sono adeguate prontamente, sapendo reagire alla crisi grazie agli investimenti introdotti da tempo in nuove tecnologie. Benefici nella ripresa, che hanno portato anche alla scelta, per quasi la metà delle aziende, di continuare a investire entro l’anno fino al 10% del proprio fatturato in innovazione, con un 17% degli intervistati intenzionato a spingersi tra l’11% e il 20%. In linea con questa tendenza, la programmazione di MECSPE - la principale fiera in Italia delle tecnologie innovative per la produzione manifatturiera organizzata da Senaf, (Fiere di Parma, 29-31 ottobre 2020) - per l’edizione 2020 coniugherà tutto il valore e l’esperienza unica del momento espositivo fisico (con oltre 1.300 aziende presenti), all’implementazione di una nuova offerta digitale, svolgendosi in totale sicurezza e senza tralasciare alcuna opportunità e proposta di networking tra le imprese. Processi che rispondono perfettamente ai dettami dell’Industria 4.0, un mercato che nel 2019 in Italia ha raggiunto un valore di 3,9 miliardi di euro, in crescita del 22% rispetto all’anno precedente.

(riproduzione riservata)