L'Editoriale

Partiamo per le vacanze senza se e senza ma

Se avete in animo qualche flirt, non dimenticate che l’uomo e la donna sono stati creati per compensarsi come l’acqua e la sete. Soli non siamo niente, uniti siamo tutto


29/07/2019

di Mario Pinzi


Anche quest’anno ci stiamo preparando a partire per le vacanze estive, e anche noi di EconomiaItaliana.it non vediamo l’ora di fare la stessa cosa per essere in grado, il 26 agosto, di fornirvi la solita informazione fuori dal coro che caratterizza il nostro giornale. 
Cari lettori, come faccio sempre, voglio farvi viaggiare con alcune novità che in qualche modo possono stupire. 
La prima notizia riguarda la luna, che spesso è stata testimone delle nostre scappatelle. 
Tutti abbiamo seguito la rievocazione della conquista del Satellite lunare, ma pochi di noi sanno chi ha reso fattibile questo straordinario evento di mezza estate.  
L’uomo che ha reso possibile questo successo
si chiama Rocco Anthony Petrone, nato a New York il 31 marzo 1926 da una poverissima coppia lucana emigrata negli Stati Uniti. 
Il nostro connazionale, raggiunta la maggiore età, entra nell’Accademia militare, si laurea e, non contento, frequenta un master in ingegneria meccanica che lo fa entrare alla Nasa, dove in pochissimo tempo raggiunge i vertici dell’Ente Spaziale e conquista la Luna. 
La seconda notizia riguarda un’intima verità che è quella della depilazione del pube che per voi donne è diventata una malattia estetica estremamente pericolosa per la vostra salute. 
I peli che la natura ha predisposto nelle parti intime dove nel triangolo della donna sono più spessi e robusti hanno due funzioni fondamentali: il richiamo sessuale e la protezione da infezioni. 
Insomma, care lettrici, i vostri peli pubici rappresentano una barriera naturale contro gli agenti esterni e sono un cuscino eccitante che vi aiuta a schiavizzare il vostro partner. 
Secondo una ricerca effettuata da Ashmen, finalizzata a comprendere i gusti maschili, il 60% degli uomini apprezzano le parti intime della donna non depilate, e il vostro triangolo peloso oltre ad essere un evidente richiamo sessuale ha anche la facoltà di evitare durante il rapporto lo sfregamento cutaneo che vi creerebbe delle fastidiose irritazioni. 
Insomma, care lettrici, la nuova moda estiva è quella di far vedere che dalla mutandina del costume spuntino dall’inguine alcuni peli pubici. 
La terza notizia riguarda il desiderio del ritocchino intimo per cancellare i segni del tempo.  
Un desiderio che sta raggiungendo tutte le età, nessuna esclusa.  
Il centro di Medicina Sessuale di Milano, diretto da Alessandro Littara, conferma che parecchie donne fanno l’operazione per ripristinare il piacere perduto, ma la maggioranza lo fa per essere apprezzate da un eventuale nuovo partner. 
I costi variano secondo il tipo di intervento che si vuole effettuare: per una labioplastica riduttiva il costo varia dai 3000 ai 5000 euro, per un ringiovanimento vaginale chirurgico il costo raggiunge gli 8.000 euro, mentre per gli interventi non complessi eseguiti con il laser il costo non supera i 2.500 euro. 
La notizia che sorprende maggiormente è la richiesta maschile finalizzata ad aumentare la dimensione del pene che ha innescato un vero boom di questa particolare pratica chirurgica. 
Il costo per sentirsi il Dio del sesso ammonta a circa 10.000 euro e l’Italia è l’unica nazione europea che possiede una clinica chirurgica specializzata in falloplastica.   
Non voglio fare il bacchettone, ma queste operazioni chirurgiche dimostrano che tra le coppie c’è qualcosa che non quadra, e di conseguenza anche le vacanze assumono un sapore completamente diverso da quello del passato. 
Consentitemi alcune riflessioni su questi interventi: il boom chirurgico del ritocchino intimo sottolinea che i valori che una volta tenevano unita una coppia non esistono più, e questa verità non danneggia solo famiglia, ma tutta la collettività. 
Cari lettori, io non sono un moralista, ma preferisco restare legato al tradimento del passato che non metteva in discussione l’unione matrimoniale e vi assicuro che dalla sua semplicità nasceva un tradimento romantico che faceva sognare. Insomma, se durante la vacanza si presenta l’avventura di un nuovo flirt, vi consiglio di guardare al passato quando la scappatella ci liberava dallo stress accumulato e non metteva in discussione il rapporto coniugale.   
Sudare fa bene, è un fenomeno naturale.  
In condizioni normali il nostro corpo produce mezzo litro di sudore al giorno, ma durante un rapporto sessuale desiderato se ne espelle quasi tre litri eliminando tutte le tossine che abbiamo accumulato nel nostro corpo, e non è la depilazione che rende bella la donna, ma una sana sudata. 
Concludendo, se vi capita di fare una scappatella, affrontatela in modo sano che non distrugga il rapporto di coppia, ma lo consolidi.
Faccio questa raccomandazione perché l’Italia, per crescere, ha bisogno della vostra unione, e non dimenticate che l’uomo e la donna sono stati creati per compensarsi come l’acqua e la sete. Soli non siamo niente, uniti siamo tutto. Buone vacanze e sudate in maniera sana…      

(riproduzione riservata)