Leader di mercato

Eismann ha realizzato il "vaccino" del risparmio

Per fronteggiare gli acquisti ingiustificati di prodotti alimentari, il Gruppo veronese, leader nella consegna a domicilio di surgelati di alta qualità, ha messo in campo una task force per acquisti equilibrati in grado di portare risparmi alle famiglie


16/03/2020

Le grandi catene della distribuzione si sono trovate impreparate ad affrontare la reazione dei consumatori preoccupati dal Coronavirus. Nelle città dove sono stati tracciati casi di infezione i supermercati sono stati presi letteralmente d’assalto da quanti, impauriti dal contagio e volendo ridurre al minimo i contatti giornalieri con altre persone, si sono riversati nei punti di acquisto per fare incetta dei beni di prima necessità, soprattutto alimentari. Carne, pasta, bevande, frutta e verdura sono andati a ruba. Sui media sono rimbalzate le immagini di scaffali vuoti e di cartelli che annunciavano l’esaurimento di alcune merci. Il risultato? Frigoriferi e dispense piene di cibo che rischia di scadere prima di poter essere consumato con un enorme spreco alimentare e di denaro. 
Tra i colossi della grande distribuzione solo Eismann ha avviato immediatamente un’azione di aiuto ai consumatori. Il Gruppo, leader nella consegna a domicilio di surgelati di alta qualità, ha messo in campo una task force, aumentando la presenza al numero verde per gli acquisti telefonici e online e la frequenza delle consegne che vengono effettuate a domicilio. In questo modo le famiglie avranno scorte equilibrate di cibo a lunga conservazione (perché surgelato) senza rischiare sprechi e sperpero di denaro e soprattutto senza dover uscire di casa per affollare i supermercati. E’ una politica tempestiva che farà risparmiare molto a fine mese nel carrello della spesa. 
Normalmente lo spreco complessivo di cibo in Italia vale 15 miliardi euro. Si tratta di 700 grammi pro capite a settimana, per un valore di 3,76 euro settimanali e di 196 euro annuali (fonte: progetto Reduce realizzato dall’Università di Bologna in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente). In questo particolare momento lo spreco alimentare entro i prossimi tre mesi supererà abbondantemente i 4 miliardi di euro. Grazie alla sua task  force, Eismann consentirà un risparmio alle famiglie. 
Eismann ha sempre avuto grande attenzione per la salute dei suoi clienti. Tempo fa ha introdotto un’innovativa linea per la pulizia e l’igiene della casa totalmente ecologica: la linea “Più Pulito”. Prodotti ora fondamentali per contrastare il Coronavirus. Nel catalogo di questo gruppo, leader da oltre 20 anni nel comparto della produzione e distribuzione a domicilio, non ci sono solo surgelati di alta qualità. Sono presenti anche l’Olio extra vergine di oliva D.O.P. “Valle del Belice” Modione, prodotto in esclusiva per l’azienda veronese, e le capsule di Mokarabia, storica azienda bolognese leader a livello nazionale e internazionale nel settore del caffè. 
Eismann, guidata dall’Amministratore Delegato Giovanni Paolino, ha una caratura internazionale. E’ presente in 4 Paesi europei (Italia, Germania, Austria e Olanda). Attualmente serve 350 mila famiglie e dispone di un’organizzazione capillare che conta, in Italia, 49 filiali, 850 venditori e 240 dipendenti. I conti marciano in linea con le strategie aziendali. Nel 2019 ha raggiunto un fatturato di 98 milioni di euro e un Ebitda di 3,2 milioni. Per il 2020 il giro d’affari sarà in crescita e in linea con i piani aziendali.

(riproduzione riservata)