Prima pagina

Barman di tutta Europa in gara (a scopo benefico) nella ventiduesima edizione dell'Elba Drink, in calendario il 2 ottobre


10/09/2019

L’Elba Drink, riconosciuto come uno dei più qualificati concorsi Italiani e inserito nel circuito internazionale dei Barman, torna in scena il 2 ottobre con la XXII edizione, presenti i migliori Bartender del panorama europeo. Ma come è nato il successo di questo concorso? Tutto era iniziato molti anni fa, quando un gruppo di amici barman che operavano sull’isola d’Elba si ritrovarono per dare vita a un concorso dove confrontarsi e sfidarsi in una gara di cocktail di loro creazione. 
Per molti anni il concorso si svolse in diverse location isolane riscuotendo un discreto successo; ma la vera svolta sarebbe avvenuta nel 2009, quando l’ingegner Massimo De Ferrari decise di ospitare Elba Drink nel suo Hotel Hermitage, un cinque stelle da sempre considerato il migliore dell’isola. Il tutto all’insegna di uno slogan vincente: Bere consapevole = Bere in sicurezza, supportato da una notevole diminuzione del contenuto alcolico dei cocktail, senza tuttavia diminuirne la piacevolezza. In effetti l’obiettivo è nello slogan stesso: salvaguardare il bene più prezioso, cioè la salute dei giovani e dei clienti senza rinunciare alla piacevolezza di un drink estivo in riva al mare. 
Sta di fatto che, grazie ai moltissimi giornalisti delle principali testate e dei canali televisivi nazionali (visti gli scopi benefici dell’evento), Elba Drink è diventato un atteso punto di incontro per buona parte dei barman professionisti su piazza. 
Ovviamente tutto questo non sarebbe stato possibile senza l’aiuto dei main sponsor che da sempre sostengono il concorso donando prestigiosi premi: Locman, Acqua dell’Elba, Smania e via dicendo, sino ad arrivare all’apporto del dottor Dembreville, che da  due anni mette in palio il primo premio: un orologio d’oro Baume & Mercier, e all’orafo Michele Affidato, da sempre presente con le sue bellissime opere. 
Organizzatore del concorso è Marco Giovarruscio, bar manager dell’Hotel Hermitage.

(riproduzione riservata)