Prima pagina

“Terre de Femmes”: torna il concorso che premia le donne

Ancora pochi giorni per l’invio della candidatura al concorso della Fondazione Yves Rocher che premia le donne impegnate per l’ambiente


03/09/2020

Ha 25 anni, si chiama Martina Panisi e lo scorso anno è stata la vincitrice del premio Terre de Femmes della Fondazione Yves Rocher, concorso che da anni premia le donne impegnata a rendere il nostro mondo un luogo migliore in cui vivere. Con i 10.000 euro del primo premio, Martina ha avuto nuove risorse per “Forrest Giants”, il progetto che tenacemente guida nelle isole São Tomé e Príncípe in Africa Centrale a tutela della lumaca Gigante d’Obô, un animale a rischio estinzione, da sempre impiegato dai locali in campo medico. 
Insieme a lei sul podio, lo scorso dicembre, sono salite anche Eleonora Saporito, architetto di Torino con il suo progetto “Orti Alti” e Marina Massaro che con “RecuperArti” si impegna a trasformare in valore e risorsa ciò che viene comunemente considerato scarto e residuo.  
Come Martina, Eleonora e Marina, anche quest’anno ci saranno tre donne tenaci e coraggiose che potranno beneficiare del premio in denaro messo a disposizione dalla Fondazione Yves Rocher. Torna infatti con la quinta edizione italiana il concorso per donne impegnate nella salvaguardia dell’ambiente. 
“Lo scorso anno - ha affermato Iris Corberi, direttore di questa testata giornalistica - il numero di candidature, rispetto all’edizione precedente, era notevolmente aumentato e sono sicura sarà così anche per questa edizione 2020. A fronte delle conseguenze ambientali che dovremo affrontare fin da subito a causa della pandemia, avremo ancora più necessità di donne che dedichino i loro sforzi alla tutela dell’ambiente e che accettino la sfida di salvare il Pianeta. Anche quest’anno i giurati avranno un compito molto difficile per selezionare tre soli progetti vincitori». 
I principali campi d’azione prescelti nelle edizioni passate sono stati l’agro-ecologia, il riciclo della plastica, le bio-costruzioni, la riforestazione e la rigenerazione dei terreni ma anche la cura della biodiversità.  Anche l’economia circolare si sta diffondendo velocemente fra gli ambiti di attività prescelti. 
L’edizione italiana di Terre de Femmes rientra in un progetto internazionale avviato nel 2001 da Fondazione Yves Rocher e che ha visto premiate più di 430 donne che hanno realizzato azioni in 50 paesi. Le donazioni hanno finora superato i 2 milioni di euro. 
Per l’edizione 2020 i premi saranno, come di consuetudine, tre: 10.000 euro per la prima classificata, 5.000 per la seconda e 3.000 per colei che si aggiudicherà il terzo posto. 
Vista l’eccezionalità del momento, per l’edizione 2020 è stata offerta la possibilità alle precedenti vincitrici di candidarsi nuovamente. Un gesto che mostra un supporto speciale da parte della Fondazione durante questo anno particolarmente difficile e complicato. La vincitrice del primo premio avrà inoltre la possibilità di volare a Parigi tra marzo e giugno 2021, partecipare alla Cerimonia Internazionale e concorrere al “Gran Premio Terre de Femmes” per vincere un ulteriore premio di 10.000 euro. 
Al premio possono candidarsi tutte le donne maggiorenni di nazionalità italiana impegnate nell’ambiente. Il termine per inviare la propria candidatura è il 15 settembre. Tutte le informazioni e il dossier per l’invio della candidatura sono consultabili alla pagina dedicata sul sito Yves Rocher.

(riproduzione riservata)