Cultura

“Liberland. Il fantastico Regno dei libri” di Elena Puglisi: un appassionante fantasy che omaggia l’amore per la lettura


07/06/2021

di Gianluca Prezzioli


Liberland. Il fantastico Regno dei libri (pagg. 244. Euro 14,00) è il primo volume della trilogia fantasy d’esordio della scrittrice e docente Elena Puglisi (Catania, 1965), che ha da sempre coltivato il suo dono di narratrice raccontando fiabe da lei inventate ai suoi alunni. E dalla sua fervida fantasia è nato questo romanzo pubblicato da Pav Edizioni, intriso di amore per i libri e nel quale si invita a riscoprire il piacere della lettura, in quanto possibilità per l’essere umano di formare un proprio pensiero sulla realtà e su se stesso, e di essere quindi libero e consapevole. 
Il cattivo dell’opera, il perfido mago Albucher, è infatti proprio qualcuno che detesta l’indipendenza di pensiero che offre la cultura e che decide quindi di dichiarare guerra alla lettura, materialmente rappresentata dalle case del regno di Liberland che hanno, appunto, la forma di libri (Così avevano costruito tutte le case-libro con l’intento di leggere e far leggere tutti, per trasmettere anche ai più piccoli l’amore per la lettura e per renderli liberi: infatti liber in latino vuol dire anche libero). 
Mentre si racconta la storia della protagonista Caroline si possono ammirare i vari edifici che richiamano alla memoria i grandi classici della letteratura mondiale: nei tetti e nelle porte costruite con le copertine rilegate e nelle mura edificate con le pagine fitte di parole, si ritrovano quindi “Don Chisciotte”, “Frankenstein”, “1984”, “Il Signore degli anelli”, “David Copperfield”, “Il Conte di Montecristo” e molti altri. 
Caroline, una vivace quattordicenne, vive nella casa dedicata a “Cent’anni di solitudine”, ma un’altra dimora la attende trepidante: situata ai margini del regno, è l’unica che non rimanda a nessuna opera letteraria e, appunto per questo, è considerata stregata. Lei però non ci sta e decide di avvicinarsi alla casa, spinta da una forza misteriosa che le permette di trovare il coraggio di entrare e di toccare i muri bianchi e privi di parole: dal tocco della protagonista si origina il grande potere che sonnecchiava nella dimora, e che penetra in lei. 
Un potere magico che condurrà a grandi responsabilità, forse troppo pesanti per una ragazzina, ma che lei accoglierà con un coraggio e una determinazione fuori dal comune. 
Supportata da Greg, il giovane di cui è innamorata, da Friedmund, il Signore dei Libri, e dal ragazzo di pietra Lagarn, figlio della Madre Terra, Caroline partirà per un viaggio avventuroso, attraverso regni oscuri e misteriosi, per trovare le ventiquattro rune indispensabili per salvare il suo regno, e i libri stessi, dalla distruzione.

(riproduzione riservata)